Archivi categoria: Recensioni giochi

Dungeon Defenders

Standard

Questo credo che sia uno dei giochi più colorati e simpatici a cui abbia mai giocato.

Dungeon Defenders è un classico Tower Defense, cosa vuol dire? Questa tipologia di videogiochi si basa su mappe con alcuni oggetti da difendere – nel nostro caso dei cristalli – e pg che dispongono difese e trappole in vista dell’arrivo dei nemici.
In Dungeon Defenders (D’ora in poi DD) sono disponibili 4 classi iniziali, l’Apprendista mago, il Cavaliere, la Cacciatrice e il Frate (Monk in originale, purtroppo la traduzione italiana non è stata delle migliori); ognuno di questi quattro ha abilità e difese particolari e uniche. Il Cavaliere può costruire delle barriere, l’Apprendista delle torrette magiche per fare danno, la Cacciatrice piazza trappole e il Frate usa le aure per debuffare i nemici o buffare gli alleati.

Come si gioca.
DD prevede due fasi di gioco, la prima dove i pg accumulano risorse e pianificano la strategia di difesa, piazzando trappole o barriere, la seconda è quella di combattimento dove bisogna sconfiggere tutti i nemici che arrivano. Tutte le mappe prevedono più ondate di nemici, ognuna più grande della precedente.
La protezione del cristallo è la vostra priorità, perché se il cristallo viene distrutto la partita finisce e dovete ricominciare il livello dall’inizio. A volte può capitare che arrivi un orco potentissimo o addirittura dei draghi alati che puntano direttamente al cristallo, sarete voi a studiare la mappa per riuscire a sopravvivere il più a lungo possibile.
Anche qui esistono i boss e sono abbastanza ostici: arrivano dopo l’ultima ondata e,mentre state cercando di buttarlo giù, un’altra enorme ondata di nemici arriva in soccorso del boss.
Più si va avanti nel gioco e più le mappe sono grandi con più cristalli da proteggere.

Il vero pregio di DD è, senza ombra di dubbio, la possibilità di giocare in multiplayer con gli amici, combinare i poteri di uno o più pg e sconfiggere insieme i boss!
DD ha anche un grande vantaggio, costa poco più di 10€ su Steam ed ha un’ottima longevità, è molto cartoonesco e coloratissimo, è troppo divertente giocarci.
L’unica pecca è la traduzione in italiano non molto ottima per alcune cose, ma ci si può passare benissimo sopra.

Annunci

Prince of Persia The Forgotten Sands

Standard

Se ogni tanto capitaste di là, potreste vedere come qui e qui ho espresso il mio amore per il caro buon vecchio Principe, nonostante i suoi mille difetti (Ammazzalo, ammazzalo! Non ho detto salta sul muro, Principe, ho detto ammazzalo!!).
Della trilogia delle Sabbie del Tempo li avevo tutti, quello del 2008 pure, mi mancava solo quello uscito due anni fa, quello praticamente per sponsorizzare il film, riesco a trovarlo al Game Stop a 5€, strano per un gioco che all’uscita ne costava sui 60/70…

Arrivo a casa, lo installo e inizio a giocare. Adesso capisco perché costava così poco…

Partiamo dal gameplay che è uguale sputato a quello del 2008, al posto dei rampicanti hanno messo dei mattoni e non corre sui muri, poi è il medesimo, un po’ di copia e incolla alla Ubisoft? I combattimenti sono simili al primo SOT, ovvero tanti nemici da far fuori in un solo punto del livello e poi strada pulita fino a quello dopo; solite trappole a fine livello e ogni tanto ci impastato pure qualche puzzle, che io odio dal profondo.
l’unica cosa figa sono i poteri degli elementi, però rendono la vita mooolto ma molto più facile, durante i combattimenti uno può attivare lo scudo di pietra che protegge dai danni e la vittoria è assicurata, che gusto c’è allora?

Trama. Dopo i non-eventi di Azad il Principe va a trovare il fratellone Malik, naturalmente sotto assedio; cosa c’è di meglio che liberare l’esercito che cercò di uccidere Salomone per salvarsi la pellaccia? Probabilmente scappare dal Dahaka, vero Principe? Ratash, grande demonietto, si impossessa del corpo di Malik e il Principe, aiutato da Razia, regina dei Jinn/Ifrit/Marid/nunmericordo, dovrà salvare la situazione ancora una volta.

Confesso, ci sto ancora giocando e quindi non l’ho finito, però posso dire con tranquillità che è il Principe peggiore, non mi invoglia proprio a giocarci, anche perché è pieno di bug, non si può saltare su una colonna e ritrovarci nel nulla assoluto dai, non si può tutte le volte ricominciare dal checkpoint…
Ecco, anche il fatto che comunque per giocarci ci vuole una connessione ad internet non mi va giù molto, metti caso uno possiede un pc solo per giocare, senza connessione, come fa? Eh, facile, non fa -.- e non mi sembra giusto, visto che comunque poi di solito c’è il vizio di mettere i dlc a pagamento, come se 60€ di gioco non fossero abbastanza…