Il grande e potente Oz

Standard

ozTitolo italiano: Il grande e potente Oz
Titolo originale: Oz the Great and Powerful
Durata: 127 minuti
Regista: Sam Raimi
Anno: 2013
Scheda su Comingsoon.it

Trama:Quando Oscar Diggs (James Franco), illusionista di un piccolo circo, dalla discutibile etica, viene trasportato dal polveroso Kansas nel fantastico Regno di Oz, pensa di aver vinto alla lotteria: fama e fortuna a sua completa disposizione. Questo finché non incontra tre streghe, Theodora (Mila Kunis), Evanora (Rachel Weisz) e Glinda (Michelle Williams), non convinte che lui sia il grande mago che tutti credono. Coinvolto suo malgrado nei conflitti del Regno di Oz e dei suoi abitanti, Oscar deve capire chi è buono e chi è cattivo prima che sia troppo tardi. Grazie alle sue arti magiche e con un po’ di illusione, ingenuità e perfino stregoneria, Oscar si trasforma non solo nel grande e potente Mago di Oz ma anche in un uomo migliore. [fonte Comingsoon.it]

Sono andata a vederlo ieri sera al famoso cinema sotto casa, niente 3D perché non lo sopporto.
Due ore di film sono lunghe da sopportare, in special modo se le poltroncine non sono proprio delle più comode, per fortuna il film è stato bello a vedersi, le due ore mi sono passate veloci, credo che il ritmo della storia sia stato azzeccato, non troppo lento, non troppo veloce.
Ho apprezzato molto il cambiamento dal bianco e nero delle prime scene, quelle ambientate in Kansas, al colore per rappresentare Oz. Siamo nel 1905, gli anni delle prime rappresentazioni cinematografiche, il b/n è un’ottima scelta stilista, richiama l’atmosfera di quegli anni, inoltre è perfettamente in contrasto col colore usato per rappresentare Oz, un nuovo mondo, o semplicemente per rappresentare la fantasia.

Anche il fatto che hanno lasciato il solito doppiatore di JD per Zach Braff l’ho apprezzato molto, ho seguito Scrubs fin dall’inizio e non avrei potuto sentire Zach con un’altra voce, è un po’ come sentire Homer senza la voce di Tonino Accolla; senza contare che il collegamento assistente – scimmia sarebbe stato meno immediato.

Sono rimasta colpita dall’ambientazione e dagli effetti speciali, i fiori giganti che si aprono quando Oz arriva nel moondo sembrano veri, non parliamo poi dell’albero la cui chioma è composta da farfalle che poi si librano in aria tutte insieme… da togliere il fiato; le strade, gli scorci, i paesaggi, è tutto fatto benissimo e a meraviglia, i dettagli dei ponti rocciosi, tutto alla perfezione.

Le uniche cose che non mi sono andate giù sono state la poca caratterizzazione delle streghe cattive e la faccia di culo perennemente sul volto di Oz.
Theodora almeno ha la scusante della delusione amorosa, ma Evanora è cattiva perché è cattiva, cliché più clicheroso che ci sia. Poi magari è fatto apposta per riprendere le atmosfere del libro originale, io però un po’ più di psicologia in più non l’avrei disdegnata.

Per il resto è stata una visione piacevole, con un finale abbastanza aperto che può presupporre ad eventuali sequel… sempre che non siano in stile Pirati dei caraibi 4 :D

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...